Post

Visualizzazione dei post da Ottobre, 2020

La plastica, un materiale prezioso ed ecosostenibile

Immagine
Oggi si parla tanto di politiche “plastic free” e di azioni tese a contenere il consumo di plastica. Nell realtà queste strategie non affrontano affatto il vero problema, che è di ben altra e diversa natura. La produzione di plastica infatti ha un consumo energetico competitivo rispetto a tutti gli altri materiali alternativi: finanche quando sfugge alla raccolta differenziata ed al riciclo – perché inidonea o troppo compromessa – la plastica costituisce una preziosa materia prima per la produzione di CSS, Combustibile Solido Secondario, utilizzato in alternativa ai combustibili fossili per alimentare cementifici e termovalorizzatori, e quindi con un ulteriore vantaggio ambientale. Certo è un dato di fatto che mari e oceani siano invasi da plastica, con danni ingenti all’ecosistema: ma la plastica non cammina, e – se a monte c’è una raccolta differenziata efficace ed efficiente – i fiumi restano puliti e non scaricano a mare questa tipologia di rifiuto (e finanche quando abbandonata in

Il ciclo integrato dei rifiuti: il valore di ogni singolo tassello

Immagine
Un efficiente ciclo integrato della gestione dei rifiuti urbani è fondamentale per tutelare l’ambiente ma anche per sfruttare le enormi potenzialità insite in tante materie che superficialmente gettiamo via: ma che nella realtà hanno una pressoché infinita possibilità di riciclo o riutilizzo. Perché però un ciclo integrato dei rifiuti funzioni, è necessario che vi sia un sistema di impianti e di soluzioni logistiche che garantiscano, a livello comprensoriale, la totale autosufficienza in tutte le fasi processo, passando per la valorizzazione delle frazioni differenziate, per un efficiente smaltimento e per il recupero energetico dei residui indifferenziati. Il recupero energetico consente infatti di alimentare termovalorizzatori (producendo energia elettrica) e cementifici, in luogo dei tradizionali (e più inquinanti) combustibili fossili, e di ridurre sensibilmente, allo stesso tempo, i conferimenti in discarica. Fondamentale è ovviamente una efficiente raccolta differenziata: ten

PRT, attivo il nuovo impianto di trigenerazione

Immagine
La PRT di Sarno continua ad investire in tecnologia e innovazione: da qualche giorno è attivo il nuovo impianto di trigenerazione ad elevata efficienza energetica, alimentato a gas metano. Gli impianti di trigenerazione ad alto rendimento, come quello attivato dalla PRT, vengono installati moduli pre-assemblati containerizzati (sono visionabili a lato dello stabilimento di via Ingegno) ed integrano gli impianti di cogenerazione con la produzione di energia frigorifera. Alle macchine a combustione si aggiungono refrigeratori ad assorbimento in grado di convertire l’energia termica in frigorifera. Grazie a questa tipologia di impianti, quindi, si ottiene la produzione contemporanea di energia elettrica, termica e frigorifera, con miglioramenti dell’efficienza di produzione rispetto ai sistemi tradizionali. L’energia prodotta viene convogliata all’interno dello stabilimento, garantendo un efficace controllo dei parametri del microclima, della temperatura e dell’umidità, ma anche l’est