La plastica, un materiale prezioso ed ecosostenibile


Oggi si parla tanto di politiche “plastic free” e di azioni tese a contenere il consumo di plastica. Nell realtà queste strategie non affrontano affatto il vero problema, che è di ben altra e diversa natura.

La produzione di plastica infatti ha un consumo energetico competitivo rispetto a tutti gli altri materiali alternativi: finanche quando sfugge alla raccolta differenziata ed al riciclo – perché inidonea o troppo compromessa – la plastica costituisce una preziosa materia prima per la produzione di CSS, Combustibile Solido Secondario, utilizzato in alternativa ai combustibili fossili per alimentare cementifici e termovalorizzatori, e quindi con un ulteriore vantaggio ambientale.

Certo è un dato di fatto che mari e oceani siano invasi da plastica, con danni ingenti all’ecosistema: ma la plastica non cammina, e – se a monte c’è una raccolta differenziata efficace ed efficiente – i fiumi restano puliti e non scaricano a mare questa tipologia di rifiuto (e finanche quando abbandonata in acqua dolce, la plastica, recuperata, può essere avviata al riciclo).

Il problema sta se mai nei cattivi comportamenti dei consumatori, sui quali purtroppo le politiche “plastic free” non incidono più di tanto. Se non vi è l’abitudine di differenziare il rifiuto e di gettarlo nei cassonetti appositi, nessuna politica di limitazione e/o di divieto d’uso di materiali può sortire gli effetti sperati.

Sono i comportamenti che vanno colpiti e corretti, non i materiali.

La plastica, in termini di sostenibilità, è uno dei prodotti più facili da riutilizzare, non ve ne sono altri simili. Nella nostra quotodianità svolge un ruolo sempre più importante e insostituibile: basta guardarsi intorno. Solo nell’automotive, a mero titolo esemplificativo, la plastica garantisce un notevole alleggerimento delle auto, con conseguenti minori consumi. Con quale altro materiale alternativo potrebbero mai essere realizzati gli interni di una automobile?

E allora perseguiamo i cattivi usi o la dispersione nell’ambiente: non un materiale di straordinaria versatilità ed ecosostenibilità.

Commenti

Post popolari in questo blog

P.r.t.: quasi vent'anni di esperienza all'insegna di innovazione, tecnologia, attenzione per l'ambiente

Rifiuti: è allarme per il blocco del riciclo

PRT, attivo il nuovo impianto di trigenerazione