Il ciclo integrato dei rifiuti: il valore di ogni singolo tassello


Un efficiente ciclo integrato della gestione dei rifiuti urbani è fondamentale per tutelare l’ambiente ma anche per sfruttare le enormi potenzialità insite in tante materie che superficialmente gettiamo via: ma che nella realtà hanno una pressoché infinita possibilità di riciclo o riutilizzo.

Perché però un ciclo integrato dei rifiuti funzioni, è necessario che vi sia un sistema di impianti e di soluzioni logistiche che garantiscano, a livello comprensoriale, la totale autosufficienza in tutte le fasi processo, passando per la valorizzazione delle frazioni differenziate, per un efficiente smaltimento e per il recupero energetico dei residui indifferenziati. Il recupero energetico consente infatti di alimentare termovalorizzatori (producendo energia elettrica) e cementifici, in luogo dei tradizionali (e più inquinanti) combustibili fossili, e di ridurre sensibilmente, allo stesso tempo, i conferimenti in discarica.

Fondamentale è ovviamente una efficiente raccolta differenziata: tenendo però ben presente – come dimostrano di anno in anno i dati Ispra – che pur in presenza di una buona differenziazione a monte (e nei vari step intermedi del ciclo integrato) dei rifiuti – è imprescindibile l’avvio a recupero energetico nei termovalorizzatori oppure in discarica.

Un ciclo integrato dei rifiuti coinvolge impianti di trattamento meccanico-biologico dei rifiuti, piattaforme di stoccaggio/trasbordo, inceneritori, sistemi di trattamento dei rifiuti da spazzamento, ma anche discariche finché non si riuscirà a spingere più efficacemente verso il concetto di economia circolare, in ossequio anche alle normative europee che fissano entro il 2030 il riciclaggio al 65% e lo smaltimento e conferimento in discarica al 10%.

Un ruolo determinante, anche in termini di smaltimento, spetta però agli stessi cittadini, chiamati a collaborare con scelte quotidiane consapevoli, ad orientare l'acquisto dei prodotti verso la riduzione dei rifiuti, ad attuare forme di riuso e ad effettuare una raccolta differenziata sempre più di qualità. Sono queste le scelte che fanno davvero la differenza.

Ma anche alla politica che deve essere sempre più conscia che ogni singola fase del ciclo integrato dei rifiuti, ha una sua rilevanza ed imprescindibilità: “saltare” un anello, o fermare uno degli step intermedi, equivale a pregiudicare le fasi successive ed inevitabilmente ad incrementare i quantitativi di rifiuti conferiti in discarica.

Commenti

Post popolari in questo blog

P.r.t.: quasi vent'anni di esperienza all'insegna di innovazione, tecnologia, attenzione per l'ambiente

PRT, attivo il nuovo impianto di trigenerazione

Quando, quanto e come la plastica è riciclabile? Lo dice l'etichetta